Elon Musk, Twitter e la guerra per controllare la narrazione della politica americana

Da quando Elon Musk ha acquisito il controllo di Twitter, non passa giorno senza una polemica sul suo stile di gestione e sul suo tentativo (ufficialmente dichiarato) di modificare le regole del social network per influenzare la politica americana. L’argomento è molto scivoloso, soprattutto perchè i democratici accusano Musk di piegare le regole in favore dei repubblicani ed in particolare di quella parte di opinione pubblica filo-repubblicana apertamente No Vax, complottista e convinta che il mondo sia dominata da poteri forti.


Musk ha dichiarato che internet deve essere libera, he qualsiasi opinione ha diritto di asilo e che precedentemente la comunicazione era sbilanciata in favore dei democratici. Prova ne sarebbe il blocco dell’account dell’ex Presidente degli Stati Uniti Donal Trump e l’uscita dei twitter files che proverebbero che l’azienda fosse schierata a sinistra nel decidere sulla moderazione dei contenuti politici. Questa è la posizione di Elon Musk.

Che cosa sta succedendo in realtà?

Cerchiamo di non essere ingenui. C’è una battaglia in corso per controllare la narrazione della democrazia in America. Dal 6 gennaio 2021 a oggi, la narrazione dominante è stata semplice. Trump e i suoi alleati hanno cercato di annullare i risultati delle elezioni del 2020, ricorrendo a menzogne, falsi elettori, argomenti legali spuri e infine alla violenza aperta. Le audizioni del comitato d’inchiesta del 6 gennaio hanno rafforzato questa narrazione, basandosi soprattutto sulle testimonianze di repubblicani onesti. Le persone che credono che il 2020 sia stato rubato a Trump hanno preso il controllo della maggior parte del Partito Repubblicano, ma ovunque ci sia stata un’elezione competitiva quest’autunno quasi tutti questi negazionisti delle elezioni sono stati sconfitti. Questo deve far male.

Occorre guardare al progetto più ampio di persone coinvolte nelle guerre dei meme dell’ultimo decennio.

Quelle appena trascorse sono state settimane piuttosto movimentate per Twitter, dove Elon Musk è stato impegnato a riqualificare gran parte dell’alt-right e a deplorare giornalisti rispettabili e account di sinistra, oltre a consegnare l’accesso selettivo ai dati interni di Twitter a una claque di scrittori iconoclasti “anti-woke.” Nella prima parte, ho analizzato ciò che è stato pubblicato finora da quest’ultimo gruppo attraverso i Twitter files.

Ora, per contestualizzare questa tempesta, non c’è libro migliore di Meme wars, la nuova guida di Joan Donovan, Emily Dreyfuss e Brian Friedberg su quelle che definiscono “le battaglie online che mettono in crisi la democrazia in America“.

Ma cosa sono le guerre dei meme e perchè hanno tanto peso nella disputa in corso?

“Le guerre dei meme sono guerre culturali, accelerate e intensificate a causa dell’infrastruttura e degli stimoli di Internet, che scambia l’indignazione e l’estremizzazione come moneta, premia la velocità e la portata, e appiattisce l’esperienza del mondo in un rotolo infinito di immagini e parole, un pantano capace di inghiottire la pazienza, la gentilezza e la comprensione”.

meme warrior dell’ultimo decennio non combattevano inizialmente per un obiettivo comune come Stop the Steal (“Ferma il furto”) …. A seconda della loro visione del mondo, le persone chiamate a partecipare alle guerre dei meme hanno incolpato nemici diversi: le banche nazionali, il capitalismo, gli immigrati che venivano a “prendere tutti i nostri posti di lavoro”, i liberali comunisti che volevano che tutti fossero gay e socialisti, e così via. Man mano che le guerre dei meme si sono protratte, sono diventate una questione di ansia da sostituzione: l’ansia degli americani bianchi che gli immigrati e le persone di altre razze possano scalzare la loro posizione in cima alla gerarchia sociale, e l’ansia degli uomini che le donne possano scalzarli”.

meme warrior evangelizzano usando “pillole rosse”, idee provocatorie che sfidano lo status quo sparse su Internet, sperando di destabilizzare il pensiero e di trascinare le persone in tane di bianconiglio di “fatti alternativi” che, attraverso la ripetizione, la ridondanza, la riprova sociale (guardate quanti like!) e il rinforzo algoritmico, convincono le persone di aver “fatto le loro ricerche” e di aver scoperto una verità nascosta. (Il fatto che molti evangelici americani siano già predisposti a mettere in discussione i media secolari e a fidarsi di analisi testuali che ricordano lo studio della Bibbia li rende particolarmente propensi a essere manipolati).

Tutte queste persone si posizionano contro il consenso liberale, contro la democrazia liberale multirazziale e contro il coinvolgimento del governo nella vita sociale. La Donovan e i suoi coautori usano il termine “destra redpillata” per indicare questo insieme di fazioni anti-establishment, che comprende anche “l’alt-right, i nazionalisti bianchi, i fascisti, gli incel, gli uomini della manosfera, i troll, gamer redipillati, i cospirazionisti del Nuovo Ordine Mondiale e le milizie”.

La verità è una pessima difesa contro la strategia principale dei meme warrior, che consiste nel sommergere il loro pubblico con affermazioni false e distorte. Come ha detto Steve Bannon al giornalista Michael Lewis nel 2018, “Siamo stati eletti con gli slogan ‘prosciuga la palude’, ‘rinchiudiamo Hillary Clinton’, ‘costruisci il muro’. Era pura rabbia. La rabbia e la paura sono ciò che porta la gente alle urne….I democratici non contano. L’opposizione è costituita dai media. E il modo per affrontarli è “inondare tutto di merda””.

Che posto occupa Musk in questo scenario?

Il 17 maggio 2020, due mesi dopo il blocco della pandemia, Musk ha twittato ai suoi follower: “prendete la pillola rossa“. Come fanno notare Donovan e i suoi collaboratori, Musk aveva scelto di sfidare le restrizioni COVID imposte dalla California, mantenendo aperte le linee di produzione della sua Tesla e ottenendo il plauso di Trump. A quel punto, la pandemia era già stata completamente politicizzata, con Trump che esortava i suoi sostenitori a “Liberare il Michigan!”, “Liberare l’Illinois!” e “Liberare il Wisconsin!”. I membri delle milizie armate avevano marciato sulle capitali di quegli Stati. QAnon era in piena espansione. Poi George Floyd è stato ucciso dalla polizia di Minneapolis e il paese si è sollevato in segno di protesta. Il 29 maggio Trump ha twittato: “Quando iniziano i saccheggi, iniziano le sparatorie”, spingendo Twitter ad aggiungere per la prima volta in assoluto un avvertimento a un tweet presidenziale, cosa che avrebbe iniziato a fare più spesso.

In nessun momento di questi mesi e di quelli successivi Trump è stato in vantaggio su Biden nei sondaggi pre-elettorali. È davvero ridicolo suggerire ora che le decisioni distorte dei dirigenti di Twitter gli siano costate l’elezione, ma questo non impedisce a Musk e ai suoi simpatizzanti di tentare di riscrivere la storia.

“Il problema delle guerre dei meme”, scrivono la Donovan e i suoi coautori, “è che vincerle non è necessariamente un bene per chi le combatte”. Aggiungono: “I meme possono essere popolari, potenti e persistenti, ma allo stesso tempo danneggiare le stesse persone che li diffondono e persino le cause che rappresentano“. In effetti, centinaia di persone che hanno condiviso allegramente le loro fughe all’interno del Campidoglio degli Stati Uniti sono state arrestate dal Dipartimento di Giustizia. E dopo il 6 gennaio, Twitter non si è limitato a bandire Trump, ma ha cancellato più di 70 mila account legati a QAnon e ha cacciato imprenditori di estrema destra come Bannon, Roger Stone, Mike Lindell, Sidney Powell e Nick Fuentes.

Ora Musk li sta reinserendo tutti, aggiungendo le sue battute raffazzonate e pericolose sul “virus della mente woke“, che tra le sue attuali fissazioni è ormai allo stesso livello dell’andare su Marte.

In tutti gli anni in cui ci siamo preoccupati del potere concentrato e incontrollabile dei signori della tecnologia come Mark Zuckerberg, nessuno abbia immaginato che qualcuno, ancora più impermeabile alle responsabilità a causa della sua ricchezza ancora maggiore, potesse un giorno scegliere di armare palesemente e in mala fede una gigantesca piattaforma di social media. Con Zuck ci siamo preoccupati che potesse alterare furtivamente l’umore dei suoi utenti o magari influenzare un’elezione spingendo sottilmente una parte a registrarsi o a votare più di un’altra. Non avremmo mai immaginato un Musk alla guida di Twitter.

Che fare? Beh, molte persone stanno abbandonando Twitter per luoghi come il fediverse di Mastodon o startup come Post.news. Da quando Musk ha preso il controllo di Twitter, più di 5,6 milioni di persone hanno aperto account su Mastodon, e una settimana fa l’amministratore delegato di Post, Noam Bardin, ha riferito che 154.000 persone avevano aperto account su 400.000 in lista d’attesa. Nessuna di queste mosse fa molto, se non nulla, per risolvere il problema presentato da Musk. Negli Stati Uniti, non c’è molto che il governo possa fare per limitare il discorso politico. Per colpirlo nel portafoglio ci vorrà un’organizzazione degli inserzionisti e/o cause di diffamazione miliardarie, come quelle che Dominion Election Systems ha intrapreso per difendersi da FOX e da One America News Network. Prima che tutto ciò si concretizzi, saranno fatti molti danni.

Informazioni su Marco Blaset 133 Articoli
Giornalista economico della Federazione Svizzera e Direttore di Outsider News.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*