Il petrolio russo nelle mani degli armatori greci

La guerra in Ucraina e le limitazioni alle importazioni dei prodotti petroliferi russi stanno facendo vivere una “seconda giovinezza” agli armatori greci che hanno saputo trasformare una crisi mondiale in opportunità di business. Saliti agli onori delle cronache nel dopoguerra con nomi del calibro di Aristotele Onassis e Stravros Niarchos, oggi una nuova generazione di armatori ellenici ha conquistato il mercato e sta scalando posizioni.


L’incontro al Four Seasons

Nel giugno del 2022 i principali armatori greci si sono riuniti per una conferenza al Four Seasons di Vouliagmeni, un ricco sobborgo a sud di Atene. Poco più di tre mesi dopo l’invasione russa dell’Ucraina, gli armatori avevano un punto di vista poco ortodosso sulla guerra che stava sconvolgendo l’economia globale.

“Questa è una tragedia per l’umanità, ma al tempo stesso crea opportunità”, disse George Prokopiou, uno dei più grandi proprietari di navi cisterna al mondo. “Dobbiamo riuscire a trarre vantaggio da queste opportunità”, gli fece eco Evangelos Marinakis, il magnate dietro la società di navigazione Capital Maritime and Trading.

Durante lo stesso incontro, intitolato Il trasporto marittimo greco in prima linea nel commercio globale, Prokopiou ha fatto una previsione coraggiosa: “Entro la fine dell’anno i mercati saranno molto, molto buoni in tutti i settori. Sono molto ottimista. Le navi avranno prezzi molto più alti”.

Quella previsione si è avverata e ha contribuito a far entrare sia Prokopiou, 77 anni, che Marinakis, 56, nella classifica dei miliardari. Il valore delle loro navi si è impennato e i loro imperi si sono allargati. Prokopiou e Marinakis hanno patrimoni di 2,6 e 3,6 miliardi di dollari, rispettivamente, e, secondo VesselsValue, dal 2022 hanno ordinato 123 nuove navi, per un valore complessivo di quasi 13 miliardi di dollari. Le quattro compagnie di navigazione di Prokopiou possiedono 173 navi cisterna, incluse quelle in costruzione, cioè 54 in più rispetto al 2021.

Una nuova generazione di armatori miliardari

Questi magnati del mare fanno parte di una nuova generazione di miliardari greci che stanno guadagnando ruoli da protagonisti sulla terra ferma e sull’acqua. Nel complesso, Forbes calcola che ci siano almeno 12 miliardari della navigazione in Grecia, più che in qualsiasi altro momento storico. Sette di loro sono debuttanti nella classifica dei miliardari. Il totale dei loro patrimoni è di 32 miliardi di dollari, equivalente a circa il 12% del prodotto interno lordo del paese.

Questi magnati sono gli eredi di una tradizione di pionieri spavaldi che risale a figure mitiche come Aristotele Onassis e Stavros Niarchos, che lanciarono il commercio sulle petroliere dopo la Seconda guerra mondiale e divennero famosi per i matrimoni con donne celebri e per lo stile di vita sfarzoso. Questo nuovo gruppo opera nella navigazione da decenni, ma finora ha mantenuto un profilo più basso. (Nonostante il loro successo, nessuno di loro ha voluto parlare con Forbes, mentre i loro rappresentanti hanno declinato le richieste di commento o non hanno risposto).

La novità è che il valore delle loro proprietà – e in particolare delle navi cisterna – è aumentato di miliardi di dollari negli ultimi due anni, quando la guerra in Ucraina ha scosso il mercato globale delle materie prime e ha innescato una corsa alle grandi imbarcazioni necessarie per trasportare petrolio in tutto il mondo. Nel complesso, secondo VesselsValue, tra gennaio 2022 e marzo 2024 le società di proprietà dei magnati greci della navigazione hanno ordinato nuove navi per un valore di quasi 200 miliardi di dollari e hanno venduto 68 navi più vecchie per quasi 3 miliardi.

“I proprietari di navi sono i principali capitalisti di questo paese”, dice Gelina Harlaftis, professoressa di storia marittima e direttore dell’Istituto per gli studi sul Mediterraneo della Foundation of Research and Technology-Hellas, a Creta.

Dopo che le truppe russe hanno invaso l’Ucraina, nel febbraio del 2022, gli Stati Uniti e l’Europa si sono mossi per vietare l’importazione via mare di petrolio russo. In seguito hanno imposto un tetto al prezzo del petrolio russo, per limitare i profitti di Putin e assicurarsi al contempo che il petrolio continuasse ad arrivare. Molte società occidentali hanno deciso di abbandonare del tutto il commercio, considerandolo troppo rischioso. Non i greci, che hanno una tradizione di operazioni ai margini dell’economia globale.

Il petrolio ai tempi della guerra

Anche se non ci sono prove che questi miliardari abbiano violato le sanzioni, di sicuro hanno tratto vantaggio della situazione. “Se c’è la possibilità di [fare] affari legalmente, sfrutteranno l’occasione”, dice Ioannis Theotokas, professore di gestione delle compagnie di navigazione all’Università del Pireo, in Grecia.

Prima della guerra, la maggior parte del petrolio europeo veniva importato in Europa. Dopo la messa al bando in Europa, la maggior parte è stata dirottata verso l’India e la Cina, cosa che ha significato viaggi più lunghi per le petroliere e tariffe più elevate per gli armatori che compivano quei viaggi. Un tipico trasporto dai porti russi sul Mar Baltico alla costa occidentale dell’India, la destinazione più frequente per il petrolio di Mosca, può generare entrate per 8 milioni di dollari: il 60% in più della tariffa in vigore nell’ottobre 2023 e cinque volte quella del 2021.

I greci hanno tratto benefici diretti da questi prezzi più alti. Tra l’aprile 2022 e il febbraio 2024 le società greche sono state incaricate del 28% di tutto l’export di petrolio russo, secondo un’analisi del Kse Institute della Kyiv School of Economics, basata su dati della società di analisi sulle materie prime Kpler. Le società di proprietà dei magnati greci – La Tms Tankers di George Economou, la Minerva Marine di Andreas Martinos e la Dynacom Tankers di Prokopiou – sono state tre delle cinque aziende che hanno trasportato più petrolio russo in quel lasso di tempo (gli altri due posti sono andati a società di facciata con sede a Dubai istituite dalla Sovcomflot, una compagnia di navigazione russa a proprietà statale. Queste due società sono state sanzionate dal dipartimento del Tesoro statunitense nel dicembre 2023 e nel febbraio di quest’anno, ma nessuna delle compagnie greche ha subito ripercussioni e nulla indica che abbiano violato le sanzioni contro la Russia). Un portavoce di Minerva Marine ha rifiutato di rilasciare commenti, mentre rappresentanti di Tms e Dynacom non hanno risposto alle richieste di Forbes.

“[I greci] gestiscono solo il 30% del flusso di greggio russo, ma è abbastanza per finanziare una nuova ondata di costruzioni di navi”, dice Viktor Katona, il capo degli analisti specializzati sul greggio di Kpler.

Le petroliere sono ora impegnate in viaggi più lunghi e la domanda complessiva aumenta. Tutto ciò, secondo la società ateniese di intermediazione per la compravendita di imbarcazioni Xclusiv, ha fatto salire il prezzo delle nuove navi cisterna di oltre il 40% rispetto al 2021. E le navi più vecchie, che una volta sarebbero state demolite, ora vengono vendute a prezzi elevati sul mercato dell’usato. La maggior parte di queste è stata venduta alle cosiddette ‘flotte ombra’, cioè compagnie registrate in giurisdizioni oscure, con navi che navigano senza assicurazioni occidentali e nascondono la loro posizione, oppure operano trasferimenti da nave a nave per scambiare petrolio russo in violazione delle sanzioni occidentali. Perfino petroliere vecchie di 15 anni ora vengono vendute a più del doppio del prezzo di inizio 2021.

Quanto vale la flotta greca

Le compagnie di navigazione hanno da tempo un ruolo di primo piano nell’economia greca. Possiedono il 17% dell’intera flotta navale globale – più di qualsiasi altro paese – e il 31% delle petroliere mondiali. Secondo la Conferenza delle Nazioni unite sul commercio e lo sviluppo e Clarkson Research, la flotta greca è quella di maggiore valore al mondo, con quasi 150 miliardi di dollari. Nel 2022 le compagnie di navigazione hanno rappresentato il 7% del Pil greco e hanno contribuito all’economia nazionale per 22 miliardi, secondo l’Unione degli armatori greci.

La Grecia è anche un buon posto per fare affari. In base a un articolo della costituzione greca del 1953, gli armatori locali sono esenti da imposte – sia personalmente, sia con le loro società – su quanto ricavato dalle loro navi. Pagano invece una ‘tassa sul tonnellaggio’ basata sulla capacità di carico di ciascuna imbarcazione, che si applica sia alle navi registrate in Grecia che a quelle registrate all’estero, fintanto che la società mantiene un ufficio di gestione in Grecia. E nel 2022 Atene ha approvato una legge che riduce l’imposta volontaria sui dividendi e i guadagni in conto capitale delle compagnie di navigazione dal 10% al 5%.

Dove investono gli armatori greci

Dove vanno a finire questi profitti praticamente esentasse? Oltre a comprare nuove petroliere, i miliardari greci della navigazione hanno investito in squadre di calcio, reti televisive, giornali e immobili, oltre che nella quintessenza dell’acquisto da ricco: gli yacht. La maggior parte delle loro società hanno sedi negli stessi quartieri meridionali di Atene, sulla costa del Mar Egeo, e i miliardari hanno le loro sontuose case negli stessi quartieri di lusso. Il nuovo miliardario Diamantis Diamantides possiede diverse ville vicino al resort Four Seasons di Vouliagmeni, lungo la strada che porta alle Armonia Residence, un complesso di appartamenti di lusso di proprietà di George Economou, che è tornato nella classifica dei miliardari dopo 16 anni di assenza.

Gli armatori competono sull’etere e sui campi da calcio quanto sulle rotte di navigazione. Le due squadre di calcio più vincenti della Grecia, Olympiacos e Panathinaikos, sono di proprietà dei magnati Evangelos Marinakis e Giannis Alafouzos, rispettivamente. I due sono anche proprietari di conglomerati dei media e canali tv rivali, mentre il fratello di Alafouzos, Themistocles, gestisce i più grandi giornali del paese. I fratelli Alafouzos non sono miliardari individualmente, ma Forbes stima che il totale dei patrimoni sia di 1,2 miliardi di dollari.

Non sorprende che alcuni di questi magnati si siano cimentati anche in politica. Mirinakis è nel consiglio comunale del Pireo, il porto a sud di Atene, mentre Athanasios Martinos ha concluso da poco il suo mandato come amministratore civile del Monte Athos, un territorio autonomo in cui vivono circa 1.780 monaci ortodossi. Sua figlia, Georgia, è stata in parlamento dal 2012 al 2023.

Con il netto aumento del valore delle loro flotte, i miliardari greci si sono dati alle spese anche al di fuori del paese. Marinakis, che nel 2017 ha comprato l’80% del Nottingham Forest, squadra della Premier League inglese, ha speso quasi 350 milioni di dollari per acquistare nuovi giocatori nelle ultime due stagioni. A novembre ha annunciato anche un investimento da 22 milioni nella squadra di calcio portoghese del Rio Ave.

Economou e Prokopiou, nel frattempo, hanno messo insieme un vasto portafoglio immobiliare. Prokopiou ha proprietà per un valore stimato in 90 milioni di dollari, incluse case a Portofino, in Italia, e nel quartiere di lusso londinese di Mayfair, oltre al megayacht Dream, lungo 106 metri e del valore di 42 milioni, dotato di due piscine all’aperto e di un eliporto. Economou ha un impero di case da 150 milioni tra Londra, Manhattan, Saint-Tropez e St. Barts, oltre a una collezione d’arte da 250 milioni che comprende opere di Pablo Picasso e Kazuo Shiraga. Una parte è esposta nel suo museo privato ad Atene.

Affari di famiglia

Il trasporto marittimo, in Grecia, è spesso un affare di famiglia. Molti degli attuali signori greci delle navi, tra cui Marinakis e i fratelli AndreasAthanasios e Constantinos Martinos (tutti miliardari), hanno seguito le orme dei loro genitori, ma hanno portato il business a nuove vette. Altri, come Prokopiou, hanno costruito imperi dal nulla, ma hanno già cominciato a passare il testimone ai figli: la figlia di Prokopiou, Ioanna, gestisce una delle sue quattro compagnie, Sea Traders, mentre il figlio di Diamantis Diamantides gestisce una sua società di petroliere.

Gli armatori greci non hanno mai avuto paura di fare soldi in tempi e in circostanze controverse. Negli anni ’60 la famiglia Vardinoyannis, oggi guidata dal miliardario Vardis, 91 anni, cercò di infrangere un embargo delle Nazioni unite e inviare petrolio al regime instaurato in Rodesia (attuale Zimbabwe) da una minoranza bianca, attraverso un oleodotto del Mozambico. Dopo uno stallo con la marina britannica, la nave se ne andò senza scaricare.

I rapporti con la Russia (e non solo)

I documenti trapelati e visionati da Forbes mostrano anche a che punto si è spinto almeno un armatore greco per ottenere contratti con i leader russi. Nel dicembre 2016 Prokopiou scrisse una lettera a Igor Sechin, amministratore delegato della compagnia petrolifera russa Rosneft, di proprietà statale, e braccio destro di Putin. Voleva allargare i suoi affari con Mosca e fece recapitare la lettera a mano a Sechin, proponendo un accordo “reciprocamente vantaggioso” per trasportare il petrolio e il gas di Rosneft sulla sua flotta. La lettera includeva anche una bozza di accordo che descriveva come le navi di Prokopiou avrebbero portato direttamente i combustibili fossili russi in India o in Cina, aggirando i principali commercianti di petrolio del mondo. La lettera faceva parte dei cosiddetti Babakov Leaks, una serie di documenti provenienti da un account di posta elettronica del parlamentare russo Alexander Babakov, condivisa dal collettivo di hacker ucraino Cyber Resistance with the Organized Crime and Corruption Reporting Project (Occrp) e i suoi partner, tra cui Forbes. I portavoce di Prokopiou e Rosneft non hanno risposto a richieste di commento.

Più di recente, nel giugno 2020, gli Stati Uniti hanno sanzionato due navi di proprietà della Dynacom di Prokopiou e della Thenamaris del nuovo miliardario Constantinos Martinos per avere trasportato petrolio venezuelano. Le imbarcazioni sono state rimosse dall’elenco delle sanzioni meno di un mese dopo, quando entrambe le aziende si sono impegnate a cessare il commercio con il Venezuela.

“I greci controllano la flotta commerciale”, afferma Katona di Kpler. “E hanno anche un forte spirito imprenditoriale. Quando il Venezuela si è aperto dopo l’alleggerimento delle sanzioni [nel 2023], gli armatori greci sono stati i primi a entrare”.

Quando le truppe russe hanno invaso l’Ucraina, nel febbraio 2022, alcuni armatori, tra cui Maria Angelicoussis, la persona più ricca della Grecia, hanno promesso di non trasportare petrolio russo. Altri, però, hanno presto abbandonato qualsiasi cautela abbiano avuto nelle settimane successive all’invasione.

“Quando la guerra è cominciata, abbiamo deciso di stare fuori dalla Russia, perché, come tutti, eravamo sconvolti e angosciati da ciò che stava succedendo”, ha dichiarato il direttore finanziario di Okeanis Eco Tankers, società di Alafouzos, in una conferenza stampa sui risultati finanziari dell’agosto 2022. “Con il passare del tempo, però, ci siamo resi conto che, prima di tutto, molti dei nostri concorrenti e tutte le grandi compagnie trattavano petrolio russo”.

A novembre la Reuters riportava che molte compagnie greche, tra cui la Tms Tankers di Economou, la Minerva Marine di Andreas Martinos e la Thenamaris di Constantinos Martinos, avevano smesso di trasportare petrolio russo. Secondo dati sul traffico marittimo di MarineTraffic, analizzati da Forbes, ci sono però almeno 37 navi cisterna di proprietà di Tms, Minerva e Thenamaris che sono partite dai porti russi da febbraio a oggi o che sono attualmente in viaggio verso la Russia. Commerciare petrolio russo e i suoi derivati resta legale, fintanto che l’azienda si adegua al tetto di 60 dollari al barile e agli altri limiti di prezzo stabiliti per prodotti come il diesel e l’olio combustibile. Portavoce di Thenamaris e Minerva Marine hanno rifiutato di rilasciare commenti su questioni commerciali, mentre quelli di Tms non hanno risposto alle domande.

“Due anni dopo l’inizio dell’invasione su larga scala dell’Ucraina, la Russia ha accumulato più di 650 miliardi di dollari di entrate dall’export di combustibili fossili. Di questi, 193 miliardi vengono dalla vendita di petrolio greggio”, dice Andrii Pozniak, portavoce dell’agenzia anti-corruzione ucraina Nacp. “Gli armatori greci che hanno trasportato petrolio russo hanno avuto un ruolo significativo in questo processo”.

Il business del gas naturale

A differenza di quanto accaduto con il petrolio, l’Europa non ha preso provvedimenti per limitare le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) russo. Sebbene si tratti di un business relativamente piccolo rispetto a quello del petrolio, ha creato ancora più opportunità. Di recente la testata statunitense Politico e il giornale belga Le Soir hanno scritto che nell’estate del 2022 Prokopiou ha esercitato pressioni sulla Commissione europea per scongiurare un potenziale divieto sul gnl russo. (La figlia di Prokopiou, Ioanna, ha dichiarato a Politico di avere solo chiesto a un lobbista dell’Unione europea un aiuto per spiegare “le regole di importazione dell’Ue”. Rappresentanti di Prokopiou non hanno risposto alla richiesta di commento di Forbes). Quando l’Ue ha annunciato un nuovo pacchetto di sanzioni nel dicembre 2022, era prevista un’eccezione per il gnl.

Ciò significa che Prokopiou, che possiede il 42% (pari a 60 milioni di dollari) di Dynagas Lng Partners, una società quotata di trasporto di gnl, ha potuto continuare a portare in Europa il gas russo. Due delle sue sei navi sono destinate al progetto Yamal Lng nel nord della Russia, che ha rappresentato il 43% delle entrate della società nel 2023 (in aumento rispetto al 39% prima della guerra). Gran parte di quel gas è esportato in Europa.

I prezzi del gnl a livello globale hanno raggiunto livelli record nel 2022, prima di stabilizzarsi nel 2023. Una manna per gli armatori greci: Marinakis possiede il 56% (per un valore di 500 milioni di dollari) della società quotata Capital Products Partners, che a novembre ha annunciato un accordo da 3,1 miliardi di dollari per l’ordine di 11 nuove navi per il trasporto di lng e per sbarazzarsi della sua flotta di navi container. Un mese dopo ha venduto il 18% dell’azienda a una società di investimento controllata da Ioannis Papalekas, miliardario greco dell’immobiliare e della navigazione, per 160 milioni.

“Sono mercenari”

I bei tempi non dureranno per sempre. Alla fine la volatilità del mercato delle petroliere cesserà, mettendo fine al boom che ha proiettato così tanti armatori greci nella classifica dei miliardari. Tuttavia, la quantità di denaro che hanno investito nell’acquisto di nuove e più moderne navi – e i profitti che hanno ricavato dalla vendita di navi spazzatura a prezzi elevati e dal trasporto di petrolio russo a tassi record – li metterà in una posizione di forza per i prossimi anni.

Finché ci saranno soldi da guadagnare – e finché i rischi non saranno troppo alti – è probabile che le compagnie greche continueranno a vendere le loro vecchie petroliere a società di comodo legate alla Russia, mentre continueranno a guadagnare belle somme commerciando petrolio di Mosca. E quando il boom sarà finito, saranno pronte a cogliere la prossima opportunità, forti di una flotta di petroliere nuovissime, del valore di miliardi di dollari.

Gli armatori greci sono mercenari”, dice Ada Imsirovic, un ex commerciante di petrolio e senior associate del Center for Strategic and International Studies. “Quando ci sono tanti soldi in ballo, troveranno un modo per guadagnarli”.

Redazione
Informazioni su Redazione 274 Articoli
Redazione Outsider News.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*