Fatturazione elettronica: richiamo del Garante privacy all’Agenzia delle Entrate

Come noto, a breve entrerà in vigore l’obbligo della fatturazione elettronica tra privati esteso dalla legge 205/2017 secondo le regole tecniche dell’Agenzia delle Entrate di cui alla circolare del 30 aprile 2018 con l’unica esclusione delle piccole partite Iva in regime dei minimi o con regime forfettario.

Ora, nel breve lasso di tempo che ci separa dal 1 gennaio 2019, ecco che una grossa tegola piomba sull’Agenzia delle Entrate che, tra l’altro, a fini di controllo, dovrà archiviare anche queste fatture nel nuovo formato digitale… e le metterà a disposizione sul proprio portale.

Si tratta chiaramente di una mole di dati che potrebbe prestarsi ad usi impropri da parte di malintenzionati, per cui è necessario che il trattamento da parte della Pubblica Amministrazione sia caratterizzato dalla massima sicurezza dei sistemi e questo ab origine, ovvero, sin dalla fase iniziale di progettazione degli strumenti informatici applicando il principio di privacy by design proprio del G.D.P.R. il Regolamento UE 2016/679 che all’art. 25 ne delinea gli intenti di prevenzione dei rischi del trattamento dei dati personali.

La fattura notoriamente si presta a far conoscere alcune informazioni sui beni e servizi acquistati, tipologie di consumo, ma anche nel caso di medici e avvocati, ad esempio, la descrizione di prestazioni sanitarie o legali; si pensi, ad esempio, ad una divisione ereditaria o un incarico relativo al risarcimento dei danni per un sinistro.

Il Garante in buona sostanza ha avvertito che il nuovo obbligo di fatturazione elettronica come regolato dall’Agenzia delle Entrate “presenta rilevanti criticità in ordine alla compatibilità con la normativa in materia di protezione dei dati personali.

L’Autorità di Piazza Venezia, esercitando il nuovo potere correttivo di avvertimento previsto nel G.D.P.R., con il provvedimento n. 481 del 15 novembre 2018, emesso anche a seguito di alcuni reclami degli intermediari, ha chiesto all’Agenzia di “far sapere con urgenza come intenda rendere conformi al quadro normativo italiano ed europeo i trattamenti di dati che verranno effettuati ai fini della fatturazione elettronica”.

Sempre secondo il Garante, il nuovo obbligo di fatturazione elettronica presenterebbe ad oggi “un rischio elevato per i diritti e le libertà degli interessati, comportando un trattamento sistematico, generalizzato e di dettaglio di dati personali su larga scala, potenzialmente relativo ad ogni aspetto della vita quotidiana dell’intera popolazione, sproporzionato rispetto all’obbiettivo di interesse pubblico, pur legittimo, perseguito”.

Ricordo che per fattura elettronica si intende una fattura predisposta in un formato XML predefinito, trasmesso dall’emittente al ricevente attraverso il Sistema d’interscambio (SDI), messo a disposizione dei soggetti passivi dell’imposta sul valore aggiunto dal Ministero dell’economia e delle finanze e gestito dall’Agenzia delle Entrate “anche per l’acquisizione dei dati fiscalmente rilevanti” (art. 1 del d.lgs. 127 del 2015).

I dati obbligatori da inserire nella fattura elettronica sono gli stessi riportati nelle fatture cartacee, ma è previsto che le informazioni obbligatorie a fini fiscali, indicate nella medesima fattura, possano essere integrate “con ulteriori dati utili alla gestione del ciclo attivo e passivo degli operatori”.

Le criticità rilevate dal Garante riguardano la procedura per cui l’Agenzia, dopo aver recapitato le fatture attraverso il sistema di interscambio (SDI) tra gli operatori economici e i contribuenti, archivierà e utilizzerà i dati anche a fini di controllo.

E’ previsto però che non siano archiviati solo i dati obbligatori a fini fiscali, ma la fattura integrale che contiene di per sé informazioni di dettaglio ulteriori sui beni e servizi acquistati, come le abitudini e le tipologie di consumo, legate alla fornitura di servizi energetici e di telecomunicazioni (es. regolarità nei pagamenti, appartenenza a particolari categorie di utenti) talvolta la descrizione di prestazioni sanitarie o legali.

Altra nota dolente è la scelta dell’Agenzia delle Entrate di mettere a disposizione sul proprio portale, senza una richiesta dei consumatori, tutte le fatture in formato digitale, anche per chi preferirà comunque continuare a ricevere la fattura cartacea o digitale direttamente dal fornitore.

Anche le modalità di trasmissione attraverso lo SDI e gli ulteriori servizi offerti all’Agenzia (come la conservazione dei dati) presentano criticità per quanto riguarda i profili di sicurezza, a partire dalla mancata cifratura della fattura elettronica; e questo ancor più in considerazione dell’utilizzo della PEC per lo scambio delle fatture con la conseguente possibile memorizzazione dei documenti sui server di posta elettronica.

Infine, va detto che è mancata la consultazione preventiva del Garante, stabilita dal codice privacy e dal G.D.P.R. che avrebbe potuto assicurare ab origine l’avvio del nuovo sistema con modalità e garanzie rispettose della protezione dei dati personali, introducendo misure tecnico organizzative adeguate in tutta la filiera del trattamento dei dati personali per la fatturazione elettronica.

StLegaleDeValeriRoma
Informazioni su StLegaleDeValeriRoma 35 Articoli
Luigi De Valeri, nato a Roma nel 1965, dopo la laurea in giurisprudenza nel 1991, ha conseguito nel 1994 il titolo di procuratore legale e si è iscritto all’Albo degli Avvocati del Consiglio dell’Ordine di Roma dedicandosi in via esclusiva alla libera professione. E’ titolare dello Studio Legale De Valeri con sede a Roma, operativo nei settori del diritto civile, lavoro e sicurezza sul lavoro, assicurazioni e responsabilità professionale, immobiliare, diritto societario e start-up, diritto di internet e privacy, diritto dell'Arte con il progetto Jus pro Arte, diritto amministrativo e diritto penale. L’ Avv. De Valeri è intervenuto come relatore nel corso di convegni e seminari sul diritto societario, diritto d'autore, salute e sicurezza sul lavoro, assiste le parti in sede mediazione controversie civili e commerciali ex D.Lgs. 28/2010. Consulente giuridico di EBAFoS, ente bilaterale dell'artigianato per la formazione e la sicurezza sul lavoro, FIRAS-SPP federazione italiana responsabili addetti servizi prevenzione e protezione, Prison Fellowship Italia Onlus. L’Avv. De Valeri è ideatore e redattore del blog giuridico www.studiolegaledevaleri.blogspot.it De Valeri Law Firm provides assistance managing international cases by english. Studio Legale De Valeri Law Firm Via Filippo Corridoni 19 - 00195 Roma – tel. fax 06.32.10.868 - cell. 347.80.13.774 e.mail : studiolegaledevaleri@gmail.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*