Salone di Ginevra 2018: autonomia ed elettrificazione la fanno da padrone

Il Salone dell’automobile di Ginevra 2018 ha preso il meglio da tutti e da tutto, dalle auto sportive da strada, passando dalle supercar mozzafiato e arrivando fino a concept pazzeschi che (forse) non vedranno mai la luce del giorno, ma che sono decisamente divertenti da ammirare. Il minimo comun denominatore di quest’edizone è il futuro delle auto profondamente influenzato “dall’autonomia” e “dall’elettrificazione”, che ha caratterizzato pesantemente la maggior parte delle concept car presentate a Ginevra, come la nuova I. D. Vizzion di Volkswagen oppure la nuova Renault EZ-GO.

Cinque modelli da ricordare

Suv ed auto “elettrificate” sono due trend che spesso si incrociano a Ginevra 2018, basti pensare alla Jaguar I-Pace, il primo crossover a batteria made in Europe (potenzialmente avversario dell’americana Tesla), o al piccolo Suv ibrido di Skoda, la Vision X, che ci mostra in anteprima un nuovo sistema di propulsione ibrido a metano. In terra elvetica, come da tradizione, ci sono anche le tanto amate e (spesso) irraggiungibili supercar, come la McLaren Senna e la Ferrari 488 Pista. Però, quest’anno sono cinque i modelli che hanno catturato la nostra attenzione. Cinque vetture capaci di emozionarci e concederci un assaggio di come l’industria automobilistica premium potrebbe apparire tra circa un decennio.

Porsche Mission E Cross Turismo

Il mondo stava attendendo con ansia la risposta del marchio Porsche alla statunitense Tesla, in particolar modo da quando si è iniziato a parlare di una Mission E completamente elettrica. Il marchio tedesco aveva in mente una vettura sportiva ed elegante con la promessa di prestazioni a dir poco folli ed a Ginevra questa visione sembra aver preso proprio forma. A prima vista può apparire come una Panamera “elettrificata” ed il suo nome è Porsche Mission E Cross Turismo. La brutta notizia, però, è che questo non è ancora il suo design finale, pertanto non aspettatevi di vederla in strada troppo presto, mentre quella buona è che possiamo già goderci i suoi numeri: da 0 a 200 in soli 12 secondi e da 0 a 100 km/h in soli 3,5. Inoltre, il brand tedesco ha detto che sarà in grado di immagazzinare sufficiente energia per viaggiare poco più di 300 km con una carica completa garantendo sempre le sue elevate prestazioni.

Aston Martin Lagonda Vision

Lagonda ed Aston Martin ci mostrano, invece, un concept che quasi sicuramente dovra sottostare a sostanziali modifiche prima di scendere definitivamente in strada. Il passaggio all’elettrico sta coltivando una nuova razza di vetture ultra high-end connotate da un’estetica da capogiro, un lusso esagerato e prestazioni indelebili, il tutto dentro ad un unico veicolo. Ed è esattamente quello che i britannici stanno facendo con il loro brand Lagonda e questa particolare Vision. La nuova idea delle menti di Blackpool adotta la tecnologia di guida autonoma di Livello 4, che le consente di gestire da sola tutte le fasi della guida, ma qualora volessimo noi condurre la vettura ci sono dei comandi manuali che ci consentono di farlo. E’ stata progettata per essere una sorta di limousine elettrica dal carattere futurista, che vuole lasciare un segno indelebile all’interno del settore automotive e per questo siamo molto interessati a vedere esattamente che cosa diventerà questo concept una volta che finalmente si materializzerà sulle nostre strade.

Renault EZ-GO

Tra tutte le auto presentate quest’anno a Ginevra, la Renault EZ-GO è quasi certamente il più lontano dalla realtà, che voi lo vogliate credere oppure no. Perciò, non vedrete una EZ-GO girare per la vostra città così facilmente. Il fatto che abbia quattro ruote è praticamente l’unica somiglianza che la EZ-GO ha con una vettura tradizionale. Non c’è volante e non ci sono pedali. Inoltre, non c’è nemmeno un sedile del conducente o un cruscotto. Ma si tratta di una futuristica vettura autonoma progettata ed immaginata per clienti smart che vogliono vivere in modo alternativo la mobilità urbana. All’interno dell’abitacolo vi sembrerà di essere come a casa, fino a quando non arriverà il momento di caricare bagagli di grandi dimensioni. Renault vorrebbe impostare la velocità massima dell’EZ-GO fino a 30 km/h, proprio perchè destinata solo agli ambienti urbani. Inoltre, sarebbe anche dotata di una carica induttiva in modo che il sistema di guida autonoma possa navigare verso una stazione di ricarica e ricaricarsi senza che sia necessario collegare nulla.

Bentley Bentayga Hybrid

La Bentayga Hybrid è l’unico design che vedrà la luce del giorno senza cambiamenti significativi. E’ la prima auto ibrida che Bentley abbia mai creato ed adotta un sistema a innesto e batterie per alimentare i suoi due motori elettrici gemellari, che accompagnano un motore V6 turbo benzina da 3,0 litri. Il risultato sono solo 75 g/km di emissioni di CO2, che è ovviamente molto inferiore a qualsiasi altro modello Bentayga presente attualmente sul mercato. Bentley ha dichiarato che i motori elettrici garantiscono fino a 50 km di autonomia prima che il propulsore a gas entri in funzione, e una carica completa può avvenire in appena 2,5 ore in una stazione di ricarica ad alta potenza. Anche se non ne conosciamo ancora il prezzo, possiamo immaginare che la nuova Bentayga Hybrid possa essere molto costosa.

Toyota Supra

La nuova Toyota Supra è tornata tra noi. Anzi, non proprio a dire il vero. Toyota Gazoo Racing ha svelato la sua nuova Supra Concept, con l’intento di far rivere una delle più amate auto sportive compatte degli anni ’90. Questo nuovo concept è ovviamente destinato esclusivamente alla pista ed il suo design è inconfondibilmente Supra. La quinta generazione sarà un’auto sportiva costruita in collaborazione con BMW, e, anche se la connotazione nostalgica non fa classifica, sicuramente sarà uno spettacolo vederla tornare presto a correre.

Alberto Lattuada
Informazioni su Alberto Lattuada 19 Articoli
Lavora in ambito televisivo fin dal 2003, svolgendo tutti i ruoli fino a debuttare nel 2010 come regista. Inoltre, grazie agli studi umanistici completati all'Università Statale di Milano, scrive per diverse testate cartacee ed online, tra le più importanti: La Discussione, Sprint&Sport Lombardia, Motorionline, Calcio&Finanza e Omnimoto. Ama lo sport e soprattutto i motori, motociclista ed appassionato di auto trova sempre il modo di informare ed allietare i lettori con storie affascinanti ed appassionanti. Nel 2015 realizza il suo sogno di creare da zero un nuovo progetto web: Motorlands, un sito in lingua inglese dedicato alle auto e alle moto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*